Solchi sperimentali Italia

Categories: 

 

 

Dopo l’ottimo Solchi Sperimentali, di cui abbiamo già parlato in questa rubrica, Antonello Cresti raddoppia e torna in libreria con Solchi sperimentali Italia, volume ben più monumentale del primo.
Sono infatti trecento gli artisti che questa volta Cresti fa riaffiorare dall’intricato sottobosco dell’underground sperimentale italiano e, come se non bastasse, 170 interviste rendono questo nuovo lavoro di gran lunga il più approfondito e corposo mai pubblicato sull’argomento.
Dare nuova luce a un panorama musicale per lo più dimenticato, sconosciuto alla maggior parte del pubblico in realtà, sembra essere il fine dell’autore.
Leggendo le mille storie che si susseguono in queste pagine, ci rendiamo conto anche della qualità creativa e musicale che in cinquant’anni di ricerca sperimentale in Italia le nostre orecchie hanno solo sfiorato: artisti spesso bistrattati, non considerati, anche derisi, ma che sono stati fondamentali per lo sviluppo stilistico non solo italiano.
Un libro che ci stimola quindi continuamente a ricercare, a rispolverare autori e band, molte delle quali vale davvero la pena riscoprire.
Dal black metal in lingua sicula di Inchiuvatu, col suo folle leader Agghiastru, alla psichedelia rituale degliHeroin in Tahiti; dalla musica d’artista di Mario Schifano al progressive-Canterbury dei Picchio dal Pozzo, ma ci sono anche Ennio Morricone, Franco Battiato, Mauro Pagani e altri che, nonostante la loro musica di ricerca, sono riusciti ad approdare al mainstream.
Solchi sperimentali Italia ci prende per mano accompagnandoci nell’underground italiano ma non attraverso una stucchevole struttura enciclopedica, quanto piuttosto con un flusso ininterrotto di parole, da un genere all’altro, da un’epoca all’altra, senza una vera continuità, cosa che rende per chi scrive il lavoro di Cresti ancora più affascinante.
Da evidenziare i commenti ai capitoli nell’indice, divertenti quanto ficcanti, che introducono ampiamente il lettore nello stile del libro e lo aiutano sin dall’inizio a districarsi nel magma sperimentale che sta per affrontare, cosa per nulla semplice anche per chi un po’ se ne intende.

BREVE EPILOGO:
si, ok, ci piace la musica americana, adoriamo i suoni d’oltremanica, ma di tanto in tanto guardiamo un po’ anche dentro casa nostra…

 

Solchi Sperimentali Italia || Antonello Cresti || Crac Edizioni || 487 pagine || €28,00